Discromie Cutanee: cosa sono e come curarle

Le disomogenità della pigmentazione, definite discromie, si suddividono in ipermelanosi e ipomelanosi.

In particolare, l’ipermelanosi o iperpigmentazione è causata dalla produzione in eccesso di melanina – il pigmento responsabile del colore della cute e dei capelli.

Quali sono le cause delle Discromie Cutanee?

Le principali cause della genesi delle ipercromie sono di tipo GENETICO, come nei casi di nevi, lentiggini, efelidi e macule caffellatte, oppure, se non rientrano tra queste citate, si definiscono ACQUISITE:

  • endocrinopatie: malattia di Addison, gravidanza, contraccettivi ormonali, ipertiroidismo
  • farmaci sistemici: idantoina, psoraleni, fenotiazine
  • farmaci topici: Ketoprefene, alcuni antistaminici
  • malattie sistemiche come cirrosi epatica, insufficienza renale
  • processi infiammatori come il Lupus eritematoso, eczema, fitofotodermatiti, acne, cicatrici,
  • agenti fisici: ultravioletti, traumi

Tra le più comuni iperpigmentazioni troviamo le macchie dell’età causate dall’esposizione al sole: per questo motivo compaiono principalmente sulle parti del corpo che sono frequentemente esposte, come il viso, le mani e le braccia. Tendono a manifestarsi come piccole aree di pelle scura.

Melasma: che cos’è?

Il melasma, definito anche cloasma o maschera gravidica si osserva sul viso, in particolare nelle donne, e dipende da uno squilibrio nella produzione di melanina: gli ormoni alterati dalla gravidanza oppure l’utilizzo di una pillola anticoncezionale o anche soltanto alterazioni del normale ciclo di produzione ormonale, causano un’eccessiva produzione del pigmento, che si accumula specialmente su labbro superiore, zigomi e guance e crea le tipiche macchie scure irregolari.

Si parla invece di iperpigmentazione post-infiammatoria, quando una ferita o un trauma della pelle guariscono e lasciano un’area piatta e scolorita come conseguenza: questo è un problema comune a chi soffre di acne o in seguito ad un taglio, una scottatura, un’esposizione chimica o nel caso della psoriasi.

QUALSIASI SIA LA CAUSA, ATTENZIONE AL SOLE!

Una volta che si sono sviluppate le macchie scure, l’esposizione al sole può anche esacerbarle rendendo le lentiggini, le macchie dell’età, il melasma e l’iperpigmentazione post-infiammatoria ancora più scure.

La luce del sole stimola la produzione di melanina, e questo la rende la principale causa dell’iperpigmentazione.

Discromie Cutanee: quali sono i rimedi?

A livello cosmetico si possono ottenere risultati soddisfacenti solo trattando le ipercromie più superficiali di tipo epidermico.

Ai trattamenti schiarenti si ricorre nel periodo invernale, in quanto l’esposizione al sole non solo può peggiorare la pigmentazione, ma può favorire la formazione di nuove discromie.

Ma ricorda sempre di associare al trattamento schiarente, cosmetico o dermatologico, un FILTRO SOLARE durante il giorno!

PRINCIPALI MECCANISMI D’AZIONE PER IL TRATTAENTO DELLE IPERCROMIE

  • Prevenire con filtri e schermi solare
  • Rimuovere la melanina preesistente con sostanze esfolianti-leviganti: l’esfoliazione può essere chimica, utilizzando sostanze come acido glicolico, acido lattico e acido mandelico, o meccanica attraverso l’impiego di scrub esfolianti fini ottenuti da minerali.
  • Ridurre la formazione di nuova melanina: si utilizzano sostanze come acido cogico, acido azelaico o arbutina

Ricorda che la prevenzione è indispensabile nella lotta contro le ipermelanosi!

Limitare il tempo di esposizione al sole, indossare indumenti protettivi, e usare uno schermo solare ad ampio spettro con un giusto SPF può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare l’iperpigmentazione, ed evitare che le macchie scure peggiorino.

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.