Raffreddore e Spray Nasali: facciamo chiarezza

raffreddore e spray nasali

Cos’è? Il raffreddore è una patologia causata da una trasmissione di virus, solitamente Rhinovirus, presenti nell’aria che possono entrare nel nostro organismo attraverso le vie aeree quali bocca e naso. I virus si diffondono con estrema facilità sia per via aerea tramite le goccioline di flugge o tossendo, sia per semplice contatto, motivo per cui il raffreddore è una delle patologie più diffuse nei mesi freddi.

Quali sono i sintomi? Le manifestazioni dirette del raffreddore sono uno stato di congestione al naso, naso che cola, starnuti frequenti e difficoltà respiratoria; ma non è sempre facile distinguere le diverse affezioni delle vie aeree (rinite allergica, raffreddore, influenza) dal momento che presentano sintomi comuni.

RAFFREDDORE VIRALE  

I Sintomi del raffreddore virale (raffreddore comune) iniziano 2-3 giorni dopo l’infezione, possono durare alcuni giorni e comprendono soprattutto naso chiuso, rinorrea (naso che cola) per l’eccessiva produzione di muco, difficoltà di respirazione nasale, starnuti; possono associarsi mal di gola, tosse e mal di testa lieve per l’interessamento dei seni paranasali

RAFFREDDORE DA INFLUENZA 

L’ influenza di solito inizia con febbre alta, che può durare fino a 5 giorni, faccia arrossata, dolori muscolari e spossatezza. I più frequenti sintomi respiratori possono essere tosse e raffreddore.

RINITE ALLERGICA  

La rinite allergica solitamente si presenta sotto forma di starnuti, prurito nasale, rinorrea che durano per più giorni, soprattutto in concomitanza con l’esposizione all’allergene; nelle forme più severe può intervenire congestione nasale, tosse e difficoltà respiratoria.

Quali sono i rimedi?

Il raffreddore guarisce spontaneamente nel giro di 5-10 giorni quindi il primo rimedio potrebbe essere quello di rimanere a casa a riposo e al caldo, per permettere a questo malanno di stagione di fare il suo decorso; però per controllare e alleviare i sintomi del raffreddore può essere opportuno assumere una terapia farmacologica.

 

Spray nasali decongestionanti:  

La mucosa nasale si congestiona per effetto della dilatazione dei vasi sanguigni e dell’infiammazione, un meccanismo di difesa messo in atto dall’organismo per far affluire più sangue al naso e combattere virus e batteri. Viene anche secreto più muco per intrappolare i germi, ma le vie nasali si ostruiscono, così si finisce per respirare male.

I decongestionanti contengono principi attivi come l’efedrina o la nafazolina, che riducono il calibro dei vasi sanguigni e di conseguenza grazie alla vasocostrizione, le narici si liberano… ma attenzione a non abusarne. L’ uso prolungato può provocare un effetto di rimbalzo, causando patologie conseguenti, infatti dopo un paio d’ore dall’utilizzo dello spray decongestionante, i vasi ritornano alle dimensioni originali, proprio come spugne che riprendono volume dopo essere state strizzate. Il continuo “strizza e rilascia” alla fine sfianca questi tessuti, che non svolgono più adeguatamente la loro funzione e restano sempre gonfi: si parla allora di rinite medicamentosa. Sono quindi da utilizzare per periodi di 4-5 giorni per la rapida comparsa di “tolleranza”.

Sono vietati a donne incinte o in allattamento, e ai bambini sotto i 12 anni.

Inoltre, i pazienti cardiopatici o ipertesi devono chiedere consiglio al medico prima di usarli. Attenzione anche se si è in cura con farmaci antipertensivi: i principi attivi dei decongestionanti possono diminuirne o potenziarne l’efficacia, a seconda del tipo.

 

Tipologie: 

L’efficacia dei vari principi attivi è sovrapponibile, ciò che cambia è la durata d’azione la quale di conseguenza condiziona la frequenza delle somministrazioni.

Consideriamo, ad esempio:

  • Rinazina Spray Nasale: principio attivo nafazolina, durata d’azione breve (4-6 ore) da somministrare 3-4 volte al giorno.
  • Vicks sinex aloe: principio attivo ossimetazolina cloridrato, durata d’azione lunga (8- 10 ore) da somministrare 2 volte al giorno. La presenza di aloe è indicata per l’umidificazione delle fosse nasali in presenza di mucosa nasale secca e irritata.
  • Neoborocillina spray nasale: principio attivo ossimetazolina cloridrato, durata d’azione lunga (8- 10 ore) da somministrare 2 volte al giorno.
  • Fexallegra nasale: principio attivo tramazolina + clorfeniramina, durata d’azione lunga (8- 10 ore) da somministrare 1- 2 volte al giorno. La sinergia tra il decongestionante e l’antistaminico lo rendono indicato per la terapia sintomatica delle riniti allergiche, come per esempio il raffreddore da fieno.

 

Spray nasali con acqua marina 

Iniziamo col dire che esistono due tipi di spray con acqua marina: le soluzioni isotoniche, o fisiologiche, e quelle ipertoniche.

Le soluzioni isotoniche hanno una concentrazione di sali paragonabile a quella del sangue (NaCl 0,9%) di conseguenza non favoriscono nessun tipo di diffusione di acqua e non alterano la normale osmolarità dei liquidi corporei. Sono utilizzati per l’igiene quotidiana delle fosse nasali da virus, batteri, inquinanti, per prevenire il raffreddore e anche contro il naso chiuso perché fluidificano il muco.

Tipologie: 

  • Rinazina aquamarina  contiene acqua di mare e acqua depurata , senza conservanti. Contiene azoto come gas propellente inerte nel dispositivo pressurizzato.
  • Tonimer Lab Isotonica  a base di acqua di mare a ridotto contenuto di sodio e dal pH leggermente alcalino
  • NaturMar spray a base di acqua di mare e PropolhON (propoli criomacinata) la quale garantisce un’importante azione antisettica.
  • Spray isotonica per la secchezza nasale (Rinoflux Iso Spray e Ialumar)

Inoltre l’aggiunta di acido ialuronico o aloe vera garantiscono la riepitelizzazione mucosale dopo interventi chirurgici  e riducono la secchezza nasale in caso di climi freddi o secchi.

 

Le soluzioni ipertoniche, da utilizzare in presenza di stati infiammatori e infezioni, hanno una concentrazione di soluti maggiore rispetto a quelli contenuti nelle cellule e nei liquidi organici. In particolare la loro osmolarità è maggiore di 0,9% e entro il limite del 2,2-2,4 % di NaCl fungendo quindi da decongestionanti. Da non utilizzare per più di 7 giorni, perché disidratano le mucose e solo per bambini da 3 anni in su.  Esempio: Ialumar Iper.

 

Spray nasali a base di sostanze naturali:

Lo spray nasale al propoli di Chiedilo al Farmacista è un decongestionante naturale, da utilizzare anche per bambini da 2 anni in su,  a base di Argento Colloidale e Propoli per un’azione sinergica disinfettante e antibatterica,  Acqua di mare con attività decongestionante per effetto osmotico, Ribes nero- potente antiinfiammatorio e antistaminico naturale e Oli essenziali di Eucaliptolo e Niaouli  i quali assicurano un piacevole effetto balsamico e rinfrescante.

 

Spray nasale Balsamico di Chiedilo al Farmacista ha un’azione decongestionante , antisettica e balsamica grazie alla sua formulazione a base di Lichensed® , un fitocomplesso multifunzionale formato da Lichene, Drosera, Propoli e Uncaria,  e Oli essenziali quali Eucalipto, Pino  Mugo e Tea tree in acqua di mare.

 

FitoHyalo spray nasale di Chiedilo al Farmacista è utile in caso di raffreddore e sinusite grazie alla sua formulazione a base di Acqua di Mare con  attività decongestionante, Vegetalialo™ (Acido Ialuronico di origine vegetale) , Echinacea  che stimola le difese immunitarie, Pompelmo con attività antibatterica  e antivirale , drosera con azione a livello bronchiale  come spasmolitico , antibatterico e antiinfiammatorio, Timo ad attività antibatterica e espettorante . Inoltre garantisce protezione e idratazione della mucosa nasale e il ripristino delle condizioni fisiologiche nasali.

 

FitoAllergy spray nasale di Chiedilo al Farmacista è utile nel trattamento dei sintomi della rinite allergica quali la congestione nasale, protegge e idrata la mucosa nasale, ripristina le condizioni fisiologiche nasali. A base di: Acqua di mare con attività decongestionante, Vegetalialo™ (Acido Ialuronico di origine vegetale), Drosera ad azione a livello bronchiale  come spasmolitico , antibatterico e antiinfiammatorio e Perilla ,in grado di inibire il rilascio di istamina, senza produrre gli effetti collaterali tipi degli antistaminici di sintesi come la sonnolenza e la scarsa capacità di concentrazione risulta quindi utile per le naturali difese dell’organismo.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

 

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.