Magnesia San Pellegrino vs Maalox Plus: quali differenze?

magnesia san pellegrino vs maalox plus

Magnesia S. Pellegrino è un farmaco a base del principio attivo Magnesio Idrossido, appartenente alla categoria degli Antiacidi e nello specifico Composti del magnesio.

Qual è la sua indicazione? L’idrossido di magnesio, principio attivo di MAGNESIA S. PELLEGRINO, agisce come un antiacido contro i bruciori di stomaco quando viene assunto a basse dosi. A dosaggi più elevati è utilizzato per il trattamento di breve durata della stitichezza occasionale in quanto esercita invece un’azione lassativa.

Qual è la giusta posologia?

Adulti: Come antiacido 1 cucchiaino da caffè; come lassativo 1 cucchiaio da tè; come purgante 1 cucchiaio.

Bambini: tra i 6 e i 12 anni: metà delle dosi.

Come? Diluire la polvere in mezzo bicchiere d’acqua e ingerire.

Quando? Come Antiacido è preferibile l’assunzione dopo i pasti; come lassativo, è preferibile assumere il medicinale la sera.

Come lo troviamo in commercio?

Magnesia S. Pellegrino 45% polvere effervescente (senza aroma, gusto anice, gusto limone, gusto mandarino, gusto frutta)

Magnesia S. Pellegrino 90% polvere per sospensione orale (senza aroma o gusto limone)

Ma attenzione, sia in caso di acidità sia di stitichezza, è bene non ricorrere all’uso del prodotto per più di sette giorni consecutivi. L’abuso di lassativi può causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali e altri fattori nutritivi essenziali!

Inoltre è controindicato nei pazienti che devono controllare l’apporto di sodio (cioè di sale), ad esempio le persone con insufficienza cardiaca o pressione alta.

Come funziona l’idrossido di magnesio? Come fa ad agire sia da antiacido che da lassativo?

L’azione antiacida dell’idrossido di magnesio si basa sulla capacità di questa sostanza di tenere nei limiti fisiologici l’acidità del succo gastrico.

Come lassativo agisce invece agevolando l’accumulo di acqua nell’intestino: questo aumento del contenuto di acqua non solo ammorbidisce le feci, ma aumenta anche il volume delle feci nell’intestino (volume intraluminale), che stimola naturalmente la motilità intestinale. Rispetto all’effetto antiacido, l’azione lassativa si ottiene mediante l’assunzione di dosi maggiori del farmaco.

Maalox Plus: cos’è e a cosa serve

Qual è la composizione? Idrossido di Magnesio, Idrossido di Alluminio, Dimeticone

Maalox Plus è un antiacido associato ad un antimeteorico, usato come coadiuvante nelle dispepsie (ridotta attività digerente) da iperacidità gastrica. La sua azione si basa sul potere antiacido di idrossido di magnesio ed idrossido di alluminio che riducono il senso di bruciore neutralizzando l’iperacidità. La presenza del dimeticone, invece, ha un’azione contro il gonfiore intestinale, che è causa di meteorismo e flatulenza.

In commercio troviamo differenti formati:

– Confezione da 30 o 50 compresse masticabili

Come si assumono? 2-4 compresse 4 volte al giorno ben masticate o succhiate, 20-60 minuti dopo i pasti e prima di coricarsi.

– Sospensione orale, flacone da 250 mL

Come si assumono? 2-4 cucchiaini di sospensione 4 volte al giorno, 20-60 minuti dopo i pasti e prima di coricarsi

Qual è la differenza tra magnesia san pellegrino e maalox plus?

Entrambi rientrano nella categoria degli antiacidi da utilizzare per un problema occasionale, per un sollievo veloce ed immediato: per la presenza del magnesio idrossido, agiscono entrambi infatti, tamponando l’acidità dello stomaco, il cui eccesso provoca bruciore e acidità. Il Maalox Plus, però, contiene in aggiunta il dimeticone, ed è quindi da preferire anche in caso di sintomi come gonfiore e flatulenza.

È indicata, invece, per il trattamento di breve durata della stitichezza occasionale, la Magnesia San Pellegrino, in quanto, nel Maalox plus, nonostante ci sia il Magnesio idrossido (con azione lassativa), vi è anche l’idrossido di alluminio, che ha effetto contrario, costipante, bilanciandone quindi l’azione!

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.