Assorbenti interni: come utilizzarli e quali scegliere

assorbenti interni: come utilizzarli e quali scegliere

Gli assorbenti igienici interni sono vittime di svariati pregiudizi causando molte titubanze nell’utilizzo specialmente nelle donne in giovane età.

Cosa sono gli assorbenti interni?

Gli assorbenti interni (o tamponi) assorbono il flusso mestruale direttamente all’interno del canale vaginale, impedendo allo stesso sangue di fuoriuscire.

Se si conosce bene il loro utilizzo, possono diventare un alleato fondamentale per le donne durante il ciclo mestruale e un’alternativa utile agli assorbenti esterni.

Sicuramente durante le primissime applicazioni la donna può trovare alcune difficoltà ad inserire ed indossarlo: basterà un po’ di pratica per assicurare il corretto inserimento.

I materiali con cui è prodotto sono sicuri?

Le tecnologie con cui sono realizzati i principali prodotti variano nelle differenti aziende, garantendo qualità e sicurezza.

Ad esempio:

  • Tampax viene prodotto solo con 100% Rayon: una fibra estratta da piante naturali.
  • Le fibre assorbenti dei tamponi o.b.® sono composte da cotone e viscosa (rayon).
  • Saugella sono realizzati in cotone 100% arricchiti con una particolare soluzione micro incapsulata di Thymus vulgaris ad azione antimicrobica e anti odore.

Come si applica l’assorbente interno?

  1.  Lavare accuratamente le mani
  2.  Rimuovere assorbente interno dall’involucro protettivo
  3.  Soprattutto durante le prime applicazioni, è particolarmente importante rilassare i muscoli pelvici per garantire un corretto inserimento.
  4.  Individuare una posizione comoda per facilitare l’inserimento del tampone: non esiste una comoda per tutte le donne. Può risultare utile inserire l’assorbente da sedute sul wc oppure in piedi con le ginocchia leggermente piegate.
  5. Delicatamente, inserire il tampone in vagina. Esistono diverse tipologie in commercio (con applicatore e senza applicatore)

Quando sostituire l’assorbente interno?

È consigliabile cambiare il tampone ogni due-quattro ore; bisogna comunque regolarsi in base alla necessità e all’abbondanza del ciclo.

In ogni caso non si dovrebbero superare le sei-otto ore, in modo da evitare irritazioni e proliferazione di batteri. Per questo motivo bisogna alternare l’assorbente interno con quello esterno, usando quest’ultimo di notte o quando si è a casa.

Come rimuovere l’assorbente interno?

  1. Per facilitare la procedura di rimozione dell’assorbente interno, si consiglia di spingere con i muscoli pelvici, come per defecare. Rilassarsi e tirare dolcemente in avanti il cordoncino. È possibile rimuovere il tampone anche afferrandolo con le dita.
  2. È assolutamente consigliato di non gettare assorbente interno nel WC. Suggeriamo di avvolgere l’assorbente interno nella carta igienica e gettarlo nell’apposito cestino.
  3. Lavarsi le mani.

Potrebbe rompersi il cordino? È improbabile che il cordino si rompa: se succede, bisogna rimanere rilassate, mettersi in posizione accucciata e rimuoverlo raggiungendolo con le dita.

Si può usare se si è ancora vergini?

Sì, il tampone non lacera l’imene perché passa attraverso la stessa apertura da cui fuoriescono le mestruazioni. Se ci sono difficoltà nell’inserimento, è meglio non forzare perché alcune donne hanno l’imene poco elastico o ristretto. In questi casi si consiglia di consultare lo specialista.

È necessario rimuoverlo quando si va in bagno?

Non è necessario perché non interferisce con l’uretra, il foro da cui esce l’urina.

L’assorbente può causare problemi?

Molte donne evitano di usare il tampone perché pensano che possa provocare cisti ovariche o altri disturbi come l’endometriosi.

Le prove scientifiche al riguardo smentiscono tutto ciò. In più si sente spesso parlare della sindrome da shock tossico. Cos’è? È una malattia rara ma grave, causata dalle tossine del batterio Staphylococcus Aureus, batteriosaprofita che, in condizioni fisiologiche, popola le mucose di naso e vagina.

In presenza di un calo delle difese immunitarie, il batterio si replica indiscriminatamente creando danno: febbre alta, vomito, diarrea, arrossamento cutaneo (simile a scottature solari), vertigini, dolori muscolari, mal di gola, svenimenti, sincope, shock e, nei casi più gravi, morte.
In passato si riteneva che le donne utilizzatrici di assorbenti interni fossero più esposte al rischio di questa sindrome. Questo, però, solo nel caso in cui non lo si usi in maniera corretta, dimenticandolo in vagina, e non prestando attenzione ai primi accenni di irritazione interna o esterna.

Dunque, per minimizzare ulteriormente il rischio, si consiglia di alternare l’uso di assorbenti interni con quelli esterni e (soprattutto) di non trattenere lo stesso tampone in vagina per oltre 8 ore.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.