Spesso imbarazzanti situazioni come frequenti eruttazioni o flatulenza sono dovute a due fenomeni correlati: l’aerofagia e il meteorismo.  

Cosa si intende con il termine aerofagia? 

Aerofagia, letteralmente, significa “mangiare aria” e il termine da un’idea assolutamente realistica di uno dei principali meccanismi che portano a ritrovarsi con la pancia gonfia dopo i pasti o in vari momenti della giornata.  

Ma come si fa a mangiare l’aria? È un fenomeno che avviene naturalmente quando si apre la bocca, si parla, si mangia o si beve.

Non tutta l’aria che entra nel cavo orale però giunge alle vie aeree ma in parte viene deglutita e può “gonfiare” lo stomaco: in parte può essere emessa attraverso l’esofago, in parte può passare nell’intestino.

Se però l’aria ingerita è troppa (per eccessiva masticazione o uso molto frequente di bevande gassate) possono derivarne disturbi, a volte aggravati se, oltre a quella ingerita, è prodotta altra aria in eccesso nel corso della digestione a causa di altre condizioni come la dispepsia funzionale o la sindrome del colon irritabile.  

Quali sono i sintomi? 

Le manifestazioni meno evidenti dall’esterno, o comunque “mascherabili” senza troppa fatica, ma in ogni caso decisamente sgradevoli da sperimentare, consistono nella sensazione di eccessiva pienezza, fastidio e tensione addominali, spesso associate alla comparsa di pancia gonfia.

In aggiunta, il gonfiore a livello dello stomaco può interferire con il battito cardiaco, dando luogo a tachicardia. 

Ancora più difficili da tollerare sono i sintomi legati all’espulsione più o meno improvvisa, repentina e “controllabile” dell’aria contenuta in stomaco e intestino: eruttazioni, turbolenze intestinali, meteorismo, flatulenza.

Altri sintomi associati possono essere irregolarità intestinali (diarrea o stitichezza), dolori e spasmi addominali, mancanza di appetito, sonnolenza e mal di testa dopo aver mangiato. 

Quali sono le cause dell’aerofagia?

Sicuramente una masticazione veloce e/o un abuso di bevande gassate possono essere la principale causa di aerofagia.

Tuttavia, i sintomi gastrointestinali possono dipendere da malattie più serie come malattia da reflusso gastroesofageo, ernia iatale, ulcera peptica, sindrome del colon irritabile, malattie infiammatorie intestinali croniche (come colite ulcerosa e malattia di Crohn).

Da non sottovalutare, infine, le cause psicologiche di aerofagia e meteorismo, condizioni di ansia e stress, in grado di influire negativamente sia sulla masticazione sia sulla digestione. 

Rimedi contro l’aerofagia 

Esistono diversi rimedi naturali in grado di ridurre il gonfiore addominale.

Il più importante è il carbone vegetale, prodotto a partire da legni naturali selezionati e sottoposti a un particolare processo di combustione.

Il carbone vegetale attenua il gonfiore addominale “sequestrando” i gas intestinali per assorbimento sulla sua superficie ed è generalmente ben tollerato.

Per ottenere i benefici attesi, va assunto con regolarità, lontano dai pasti. 

Di grande aiuto sono anche tisane con estratti di piante carminative che agiscono favorendo l’eliminazione di aria, la digestione e aiutano a prevenire il gonfiore addominale: tisane al finocchio, alla melissa, all’anice, alla menta o un tè leggero con un po’ di limone.  

L’assunzione regolare di bevande probiotiche e periodica di fermenti lattici concentrati può aiutare a migliorare la composizione e la funzionalità della flora batterica intestinale, ottimizzando la fermentazione delle sostanze nutrienti che arrivano nell’intestino e riducendo la produzione di gas indesiderati.  

E come farmaci? 

Tutti conosciamo e abbiamo utilizzato almeno una volta nella vita farmaci come Mylicon gas , Geffer, prolife zero gas.

Rientrano tutti nella categoria dei procinetici, contenenti dimeticone o simeticone che esercitano un’azione procinetica, stimolando la motilità del tubo digerente e un’azione “antischiuma”, scomponendo le bolle di gas che causano la sensazione di pancia gonfia tipica dell’aerofagia, facilitandone il riassorbimento e l’espulsione.

Così facendo, viene ridotto l’ingombro dovuto ai gas e, quindi, il gonfiore e i disagi che lo accompagnano. 

Altri rimedi anti-aerofagia sono di tipo comportamentale e riguardano le modalità di assunzione di cibi e bevande, masticazione e deglutizione.

In particolare, è fondamentale: 

  • mangiare in un ambiente rilassato e senza fretta, tenendo lontani i pensieri che possono generare ansia e stress
  • masticare lentamente, con cura, a bocca chiusa
  • bere con calma, a piccoli sorsi
  • non parlare mentre si beve o mangia
  • non introdurre in bocca un nuovo boccone finché non è stato deglutito il precedente
  • mangiare da seduti, in una posizione comoda, ma mantenendo la schiena diritta, per favorire la discesa dei cibi nello stomaco
  • fare una passeggiata dopo ogni pasto.

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.