Esposizione al sole? Ecco alcuni consigli!

esposizione e protezione solare eritemi

La radiazione ultravioletta (UV) emessa dal sole è una radiazione elettromagnetica che ha una frequenza superiore a quella della luce visibile.

In base alla frequenza si suddividono in:

  • UVA
  • UVB
  • UVC

Questi ultimi hanno una frequenza più elevata e sono i più dannosi per l’uomo, ma fortunatamente sono filtrati dagli strati più alti dell’atmosfera terrestre.

È vero che l’esposizione ai raggi UV è vantaggiosa per l’uomo perché stimola la produzione di Vitamina D con conseguenze positive per la rimineralizzazione delle ossa, ma dosi eccessive di UV provocano la distruzione dell’ Acido Folico e danneggiano il DNA delle cellule dell’organismo.

Per proteggerci dall’azione dannosa dei raggi UV le nostre cellule del derma producono la Melanina, una sostanza capace di assorbire gli UV, bloccandone la penetrazione.

Non tutte le persone sono dotate della stessa quantità di melanina (fototipo):

Bambini, neonati, persone con la pelle chiara hanno, quindi, minore protezione alle radiazioni ultraviolette.

 

Cosa accade se ci esponiamo per un tempo eccessivo ai raggi UV senza l’adeguata protezione?

Si verifica un aumento del flusso ematico che irrora i vasi sanguigni del derma e appare un arrossamento dello strato superficiale della pelle.

In quanto tempo si verifica?

Già dopo poche ore dall’esposizione

Cosa è visibile?

Un arrossamento più o meno accentuato, la cute sarà calda e a volte anche in rilievo

Quale è il sintomo?

Prurito e bruciore anche molto intensi.

Il tutto può peggiorare fino ad arrivare ad uno stato di spossatezza intenso, febbre e disidratazione.

 

I consigli del tuo farmacista

-30/40 giorni prima di esporsi assumere prodotti antiossidanti ricchi di vitamina A, E,C.

-non esporsi al sole tra le 11,30 e le 15,30 sia al mare che in montagna anche con il cielo nuvoloso e comunque esporsi in maniera graduale

-proteggersi dai raggi solari con creme con idoneo fattore di protezione a seconda del fototipo e in alcuni casi usare degli indumenti specifici foto protettori.

 

IN CASO DI ERITEMI

Rimedi naturali:

consentono di alleviare la sintomatologia

  • la crema alla calendula svolge un’azione emolliente, lenitiva, calmante, antinfiammatoria e cicatrizzante su pelle sensibile e irritata.Viene applicata con successo nei casi di eritema solare ma anche di dermatosi, lievi ustioni e reazioni allergiche;
  • impacchi di acqua fredda per un’azione vasocostrittrice;
  • amido di riso con acqua tiepida per impacchi lenitivi;
  • gel di aloe con azione idratante e lenitiva;
  • oli essenziali di lavanda o eucalipto in acqua per lenire e rinfrescare;

Rimedi medicinali:

  • creme o compresse antistaminiche per ridurre prurito e irritazione.
  • FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) per la riduzione del dolore e dell’infiammazione.
  • Cortisonici e antibiotici per uso topico in caso di sovrapposizione batterica.
  • Cortisonici in compresse nel caso di infiammazioni più gravi.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

 

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.