Diete povere di fibre, scarso esercizio fisico e stile di vita scorretto sono solo alcuni dei fattori che contribuiscono allo sviluppo delle emorroidi. 

In uno stadio precoce, la cura locale delle emorroidi è di massima importanza: si possono ad esempio trarre benefici dall’igiene anale, da bagni freddi, dalla regolarizzazione delle funzioni intestinali e dall’applicazione di una pomata specifica. 

Ma quale pomata scegliere: naturale, cortisonica e/o anestetica?  

Principalmente si utilizzano pomate a base di cortisonici che alleviano l’infiammazione ed il prurito, da soli o in associazione ad anestetici locali (ad esempio, tetracaina e lidocaina), che hanno l’effetto di ridurre il dolore: tra le più conosciute abbiamo il Proctolyn  e Proctosedyl.  

Proctolyn: cosa è?

Proctoyln è un medicinale che agisce localmente e riduce l’infiammazione, l’arrossamento, il prurito, il bruciore anale e indirettamente il dolore. 

Quali sono i suoi principi attivi? 

  • Fluocinolone acetonide, corticosteroide, svolge un’intensa azione antinfiammatoria e contrasta prurito, bruciore e dolore anale.
  • Chetocaina cloridrato svolge un’azione anestetica locale. 

Quando è indicato?

Proctolyn è indicato per trattare il disagio delle emorroidi interne ed esterne, eczemi ed eritemi anali e perianali, ragadi anali, prurito e bruciore anale e perianale e nel trattamento pre- e post-operatorio in chirurgia ano-rettale. 

È disponibile in due formulazioni: 

Crema rettale: disponibile in un tubo da 30g. 

Supposte: disponibile in una confezione da 10 supposte. 

Proctosedyl: cosa è?

Proctosedyl è un antiemorroidale per uso locale, a base di corticosteroidi. 

Quando è indicato?

Proctosedyl si usa per trattare i sintomi delle emorroidi interne o esterne, specie nelle fasi infiammatorie con prurito anale. 

Quali sono i principi attivi?

  • Idrocortisone acetato
  • Benzocaina svolge un’azione anestetica locale
  •  Esculina, glucoside dalle proprietà antinfiammatorie che si estrae dall’Ippocastano.
  • Benzalconio cloruro svolge un’azione antisettica e disinfettante. 

Cosa si intende per preparazione H? 

Preparazione H è un medicinale antiemorroidale a base di estratti di cellule di Saccharomyces Cerevisiae.  

Quando è indicato?

Preparazione H si usa per il trattamento di emorroidi esterne ed interne non complicate e ragadi anali.

Composizione: Lievito di Birra, vaselina bianca, lanolina anidra, olio di fegato di pescecane, olio minerale di timo rosso, cera di lana e glicerolo. 

L’estratto cellulare di questo farmaco contiene varie sostanze, tra cui proteine, aminoacidi e carboidrati come il beta glucano.

È un prodotto naturale, privo di effetti collaterali dal momento che non contiene cortisone.

Applicato a livello di emorroidi sia esterne che interne, favorisce quindi la cicatrizzazione delle ulcere, attenuando in maniera evidente la sintomatologia dolorosa.

Il Saccharomyces cerevisiae, aumenta anche la velocità di consumo di ossigeno a livello tissutale, accelerando la risoluzione del problema in maniera considerevole. 

Inoltre la presenza di particolari eccipienti, come vaselina bianca, lanolina anidra, olio di fegato di pescecane, olio minerale di timo rosso, cera di lana e glicerolo, contribuisce a rendere particolarmente emolliente, denso e lubrificante questo unguento. 

Rimedi naturali contro le emorroidi 

Le sostanze più indicate, da applicare localmente sotto forma di pomata sono:  

  • l’iperico, ricco di tannini e antrachinoni, che garantiscono proprietà disinfettanti, cicatrizzanti e astringenti 
  • l’aloe vera, in virtù della sua azione lenitiva, antinfiammatoria, astringente e riepitelizzante 
  • l’olio di jojoba, grazie alle sue capacità emollienti e antiossidanti (esplicate dall’elevato quantitativo di vitamina E) 
  • l’amamelide, in virtù delle sue spiccate proprietà cicatrizzanti, antiflogistiche (agisce sull’infiammazione) e astringenti (aiuta la vasocostrizione) 

FitoPROCT: cosa è e a cosa serve?

E’ una crema coadiuvante nel trattamento degli stati emorroidali a base di polifenoli ottenuti da una selezione di foglie di Olivo e polisaccaridi ad alto peso molecolare dell’Aloe Vera e tannini dal Castagno, arricchito con olio di Ipericoacido ialuronico di origine vegetale che calmano l’irritazione proteggendo la mucosa. 

Quali sono le differenze tra una crema naturale ad una cortisonica? 

Partiamo col dire che i sintomi comunemente attribuiti alle “emorroidi” sono il sanguinamento, il dolore, il prurito, il gocciolamento di feci, il prolasso e la perdita di muco dall’ano.  

In particolare i sintomi tipici delle “emorroidi interne” sono il sanguinamento senza dolore e la protrusione intermittente. Pertanto la loro cura non necessita di antiinfiammatori come i prodotti a base di cortisone, di sostanze antiprurito, di antidolorifici come la lidocaina.

Infatti questi medicamenti sono principalmente diretti a risolvere il prurito anale, condizione che normalmente può verificarsi in seguito ad emorroidi prolassate, appunto “esterne”, che umidificano e macerano la cute anale. 

Ma attenzione al cortisone… non solo rallenta la cicatrizzazione dei tessuti ed è quindi da evitare in caso di emorroidi sanguinanti ma è da utilizzare solo per periodi brevi in quanto può provocare ipersensibilizzazione locale con la comparsa di dermatiti che si manifestano con bruciore, prurito e dolore. 

Preparati topici per le emorroidi a base di sostanze naturali dall’azione flebotonica, vasoprotettiva, antinfiammatoria, antisettica e cicatrizzante si rivelano particolarmente utili nel trattare i sintomi delle emorroidi.

Per ottenere benefici ne occorrono però generose applicazioni almeno due/tre volte al giorno.

Inoltre può essere utile, soprattutto nelle fasi acute, combinare il trattamento topico con la somministrazione orale di farmaci flebo-protettori! 

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.