Si tratta di tre tipologie di Colliri nel formato Multidose. 

Il collirio è una preparazione oftalmica, generalmente a base acquosa, all’interno della quale sono presenti sostanze attive capaci di alleviare e/o trattare disturbi o malattie degli occhi. 

Difatti, mentre alcuni colliri sono destinati alla cura di vere e proprie patologie oftalmiche (ad esempio, congiuntiviti, glaucoma, uveite, ecc.), altri sono riservati al miglioramento di disturbi oculari di natura non patologica (ad esempio, occhi rossi, occhi secchi, ecc.). 

Oltre alla più specifica classificazione in funzione degli attivi contenuti e delle indicazioni terapeutiche, i colliri possono essere suddivisi anche in due macrogruppi in funzione del recipiente che li contiene.

In questo caso, possiamo distinguere confezioni monodose e confezioni multidose.

Spesso viene confuso il formato Multidose con il termine “monodose” ingannati dal singolo flacone per l’applicazione.

La differenza tra le due tipologie di contenitori è proprio nella forma che li caratterizza.

Considerando il singolo flacone come un recipiente riutilizzabile più e più volte fino a 3-4 settimane dopo l’apertura, a seconda del prodotto utilizzato e le singole fialette monodose utilizzabili, a seconda dei casi, fino a 12-24 ore dopo l’apertura (far riferimento a quanto riportato sul foglietto illustrativo).

Visto l’uso “monodose”, in queste formulazioni non è necessaria l’aggiunta di conservanti. 

 Iridil, Isomar e Fitoeye: quali sono le principali differenze? 

  • Iridil 

Iridil gocce oculari è una soluzione sterile per uso oftalmico con un pH fisiologico, a base di acqua distillata di Hamamelis, acqua distillata di Camomilla, acqua distillata di Euphrasia note per le loro proprietà rinfrescanti e lenitive e dall’acqua distillata di Malva nota per le sue proprietà calmanti.La soluzione è confezionata in pratici contenitori polidose da 10 ml.

 Quando è indicato Iridil? 

L’azione combinata di questi elementi naturali, allevia l’arrossamento oculare dovuto a cause ambientali quali vento, sole, fumo, inquinamento, ambienti condizionati e da affaticamento visivo dovuto a intenso impegno per lavoro e studio, eccessivo uso del computer ed esposizione alla luce.
Può essere utilizzato anche da chi porta lenti a contatto.

Come utilizzare Iridil? 

Aprire il flacone rimuovendo il tappo di protezione ruotandolo. Instillare 1/2 gocce in ciascun occhio premendo leggermente il flaconcino. Dopo l’uso, richiudere immediatamente il flacone: il contenuto può essere riutilizzato entro 28 giorni dalla prima apertura. Indicato anche per uso frequente, più volte al giorno se necessario, in base al bisogno o alle indicazioni del medico. 

  •  Isomar Occhi 

Isomar Occhi, grazie alla formulazione delicata a base di acqua di mare, acido ialuronico ed estratti vegetali, deterge e idrata anche quotidianamente gli occhi per un pronto sollievo. Contiene :

Soluzione di acqua di mare isotonica: ha la stessa concentrazione salina dei nostri fluidi corporei (0,9% in NaCl), deterge la superficie oculare portando via batteri e corpi estranei.
Acido ialuronico: idrata la superficie oculare per una pronta azione umettante e un benessere prolungato. 

-Estratti vegetali (Cineraria Marittima, Calendula, Fiordaliso, Elicrisio, Eufrasia) ed Ipromellosa (Idrossipropil-Metil-Cellulosa) dalle proprietà lenitive, lubrificanti e reidratanti.

Quando è indicato Isomar Occhi? 

Isomar Occhi dona un rapido sollievo in caso di arrossamento, irritazione, bruciore, prurito e sensazione di corpi estranei e in seguito a lacrimazione ed affaticamento indotti da fattori quali: esposizione al vento e a raggi solari, polveri, smog, fumi, caldo secco, ambienti climatizzati, permanenza prolungata davanti a schermi video ed uso di lenti a contatto.

Isomar Occhi concorre in maniera significativa a lenire i disturbi causati dal contatto dei pollini con la congiuntiva aiutando ad alleviare i sintomi allergici. In più aiuta nei casi di secchezza oculare e si può usare in presenza di qualsiasi tipo di lenti a contatto.

 Come utilizzare Isomar Occhi? 

Aprire la confezione, estrarre il flacone ed instillare 1/2 gocce nell’occhio ogni 4-5 ore.
Il flacone può essere richiuso e la soluzione rimasta può essere riutilizzata entro 6 mesi dalla prima apertura.
Utilizzabile anche con le lenti a contatto applicate. Per una maggiore azione lubrificante e lenitiva, è consigliata l’instillazione di Isomar Occhi prima dell’applicazione delle lenti. 

  •        Fitoeye

Fitoeye è una soluzione sterile per uso oftalmico adatto per coloro che soffrono di secchezza oculare, scarsa lacrimazione ed arrossamento dovuto da agenti esterni e condizionati dall’uso di lenti a contatto.  

Cosa contiene? 

La formulazione di FitoEYE utilizza nuove molecole di origine vegetale e si avvale delle proprietà intrinseche dell’Echinacea.

Grazie ad un innovativo metodo di estrazione – da piantagioni biologiche di Echinacea – si ricavano estratti di cellule staminali meristematiche con riconosciute proprietà umettanti, tosteroli ad attività emolliente, aminoacidi ad attività nutriente e sali minerali utili al bilanciamento osmotico 

Acido Ialuronico, che presenta elevate proprietà viscoelastiche, incrementa la lubrificazione ed il comfort soprattutto in caso di occhi secchi. 

Estratti Vegetali (Eufrasia, Camomilla) ed Ipromellosa (Idrossipropil-Metil-Cellulosa) dalle proprietà lenitive, antinfiammatorie, lubrificanti e reidratanti.  

Quando è indicato Fitoeye? 

Fitoeye Gocce Oculari sono particolarmente indicate in caso di arrossamento, irritazione, bruciore, prurito ed affaticamento indotti da fattori quali: esposizione al vento e a raggi solari, polveri, smog, fumi, caldo secco, ambienti climatizzati, permanenza prolungata davanti a schermi video ed uso di lenti a contatto.

In più concorre in maniera significativa a lenire i disturbi causati congiuntiviti stagionali o perenni, secchezza oculare e eventuali terapie topiche irritanti. 

Come utilizzare Fitoeye? 

Instillare direttamente nell’occhio 1 o 2 gocce, quando se ne avverte la necessità.

Utilizzo previsto non superiore alle 3/4 volte al giorno con intervalli di 3-4 ore tra una instillazione e l’altra. Una volta aperto il flacone utilizzare entro 90 giorni.

Compatibile con lenti a contatto.

Quali sono le similitudini tra Iridil, Isomar e Fitoeye? 

Avendo analizzato in dettaglio le tre composizioni possiamo chiaramente mettere in luce la comune presenza di estratti vegetali che determinano i tre dispositivi.

Questi, sono particolarmente utili in caso di arrossamento, irritazione, bruciore, prurito ed affaticamento indotti da fattori come l’ esposizione al vento e a raggi solari, polveri, smog, fumi, caldo secco, ambienti climatizzati, permanenza prolungata davanti a schermi video.

Riconoscendoli tutti compatibili con lenti a contatto, una principale differenza che caratterizza esclusivamente Isomar e Fitoeye è la presenza di Acido Ialuronico e Ipromellosa utili in caso di secchezza oculare ed arrossamento grazie alle elevate proprietà viscoelastiche, lubrificanti e reidranti.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.