Insettorepellenti: quali utilizzare?

Insettorepellenti

Cosa differisce tra gli insettorepellenti in commercio e quali scegliere per proteggere tutta la famiglia dalle punture dei più fastidiosi insetti estivi?  

Tutti i repellenti contengono sostanze chimiche in grado di tenere alla larga zanzare ed insetti e che generalmente, alle concentrazioni nelle quali si trovano nei prodotti in commercio, non sono dannose per la salute dell’uomo né per la pelle.  

Ogni individuo, in ogni caso è diverso, così come lo sono le condizioni ambientali e fisiche (dal sudore all’anidride carbonica emessa con il respiro) che rendono una persona più “attraente” per le zanzare rispetto ad un’altra. Non esiste, quindi, un repellente efficace per tutti o maggiormente efficace! 

Insettorepellenti: quali sono le differenze?

Icaridina (KBR 3023) E’ uno dei più recenti principi attivi immessi sul mercato. Ha scarso assorbimento cutaneo, caratteristica che consente l’applicazione anche a bambini con più di 2 anni (escluso le formulazioni spray). Può avere efficacia dalle 3 alle 10 ore in proporzione alla quantità applicata sulla cute. Ha effetto repellente contro zanzare, mosche, tabanidi, simulidi e zecche. 

Dietiltoluamide (DEET) È il principio attivo di maggiore applicazione. Ha caratteristiche di persistenza della protezione e repellenza simili a quelle del KBR 3023, in rapporto alla concentrazione di principio attivo.

Si trova in commercio con formulazioni dal 7% al 35% di concentrazione, ma ci sono anche prodotti al 50%. Alla concentrazione più bassa può essere applicato a soggetti con più di 12 anni di età.

Alle concentrazioni più elevate, pari al 50% non può essere usato su persone di età inferiore ai 17 anni, può irritare la pelle ed è sconsigliata l’applicazione sul viso.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) consiglia l’uso del repellente a concentrazioni elevate in zone tropicali ad alto rischio di malaria e altre malattie trasmesse da insetti. 

Estratti vegetali (eucalipto, citronella, geranio, lavanda, piretro, bergamotto, timo, ecc.) Il principio attivo più efficace è il Paramatandiolo (Citrodiol) ricavato dall’eucalipto. Devono essere usato ad elevate concentrazioni per assicurare una protezione prolungata con possibili odori sgradevoli anche alle persone. Sono efficaci per pochi minuti, quindi devono essere ripetutamente applicati. Trovano concrete applicazioni per la protezione di bambini inferiori ai 2 anni di età.  

Permetrina (piretroide) Principio attivo usato per impregnare indumenti e zanzariere, con azione repellente contro le zanzare in zone endemiche. Persiste anche al lavaggio dei tessuti, è poco tossico per i mammiferi e scarsamente assorbito dalla pelle. Deve essere usato per brevi periodi ed in località endemiche di Malaria, Dengue, Chikungunya e West Nile 

Apparecchi ad ultrasuoni : Non esistono sperimentazioni che dimostrino l’efficacia ad uccidere o allontanare zanzare 

Un prodotto repellente deve essere registrato e approvato per efficacia e sicurezza dal ministero della Salute. Per questo in etichetta viene riportata l’indicazione “Presidio medico chirurgico” (PMC) oppure prodotto biocida, con il nome del principio attivo (i più comuni sono DEET, citrodiol e icaridina) e la concentrazione. 

Se invece l’etichetta riporta l’elenco completo degli ingredienti (INCI) come un sapone, non si tratta di un repellente, ma di un cosmetico che per legge non può vantare nessuna efficacia. 

Quali sono le tipologie in commercio? 

SprayNon assicurano un dosaggio uniforme ma garantisce un’applicazione veloce e può condiviso tra più persone. Di contro c’è il rischio che venga accidentalmente inalato o ingerito o irriti gli occhi quando viene spruzzato. Sono disponibili come vaporizzato o come spray secco (bombolette in alluminio sottovuoto) che sono infiammabili; 

Stick e “roll on”: Pratico perché evita dispersioni nell’ambiente, utili soprattutto per bambini e per piccole zone come caviglie, collo e braccia. 

Lozioni: Facilmente distribuibili con le mani ma attenzione all’applicazione sul viso 

Braccialetti: offrono protezione solo in corrispondenza della cute vicino al braccialetto stesso. 

Salviette: Adatte per l’utilizzo sul viso, forniscono però un rilascio limitato di prodottoutili per rinnovare la copertura dopo che è passato un po’ di tempo dalla prima applicazione. 

Cerotti protettivi: Questi prodotti non vanno applicati direttamente sulla pelle, anche se testati dermatologicamente. I cerotti devono essere applicati sui vestiti o suppellettili. Sono ideali per la difesa dei bambini perché sono a base di ingredienti naturali! Mi raccomando per funzionare devono essere attivati! (es. Cer 8 zanzare) 

Insettorepellenti neonati: quali utilizzare?

Se si tratta di neonati da 0-3  mesi è consigliabile non utilizzare nessun prodotto ad azione repellente. Vi consigliamo di utilizzare solo delle cosiddette barriere fisiche come zanzariere, stoffe e veli che evitano l’ingresso delle zanzare; 

Da tre mesi a due anni sono indicati i prodotti contenenti una minima percentuale di Citrodiol o estratti vegetali di citronella, geranio, lavanda, bergamotto, timo.. La percentuale indicata va dal 30% al 50%. Questi prodotti, pur garantendo una protezione medio-bassa, sono i più indicati per questa specifica fascia di età; 

Da due anni a dodici anni si possono applicare dei repellenti a base di lcaridina con una percentuale che va dal 20% al 30%; Mentre da sopra i dodici anni, sono considerati già adulti e il repellente più efficace in questi casi è quello che contiene il DEET.  

Inoltre per i neonati possono essere utilizzate per formulazioni a base di amido di riso e olio di neem (linea Fiocchi di riso talco-non talco spray, roll-on, emulsione fluida, salviette): l’amido di riso regola la sudorazione e dona freschezza e l’olio di neem crea sulla cute un aroma  barriera protettivo da zanzare e insetti. 

Prodotti a base di lcaridina: 

Autan family care: lcaridina 10% durata azione 4 ore 

Autan protection plus: lcaridina 20% durata azione 8 ore 

Off salviette lcaridina 20% 6-8 ore 

 A base di Deet 

Anti brumm forte Deet 30% durata azione 12 ore 

Vape derm herbal spray, salviette o lozione:  Deet 7,5 % durata d’azione 5 ore 

Vape derm extra spray, salviette o lozione: Deet 32% durata d’azione 8 ore 

Off lozione: Deet 7% : 2 ore 

Off spray Deet 15% 4 ore 

Off active spray: Deet 30% 6 ore 

Off active lozione: Deet 33.5% 8 ore 

Jungle Formula Forte: Deet 20% fino a 6 ore di protezione. 

Jungle Formula Molto Forte Deet 50% 9 ore di protezione contro le più comuni specie di zanzare, con una singola applicazione.
Per alcune specie di zanzare tropicali il tempo di protezione può essere molto più breve: 4 ore di protezione media contro la zanzara della febbre gialla (Aedes aegypti) e 8 ore contro la zanzara della malaria (Anopheles stephensi). 

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.