Fastum Emazero vs Fastum antidolorifico: quale utilizzare?

Contusioni ed ematomi sono sempre determinati da un infortunio di qualche tipo.

Per ragioni ovvie, ne sono più soggetti gli atleti e più in generale chi è dedito ad attività sportive intense, ma può capitare a tutti di fare una brutta caduta o di prendere un colpo particolarmente duro.

Quando si verificano piccoli traumi e contusioni, ma la cute rimane integra, il nostro organismo reagisce così:

  • I tessuti interessati si attivano con una risposta infiammatoria in reazione al trauma subito. Questa è una reazione fisiologica di difesa dell’organismo.
  • Si forma un versamento (essudato infiammatorio) che dà luogo a gonfiore, tensione con dolore della parte lesa. Nei casi più severi si ha anche la rottura di alcuni vasi sanguigni della zona colpita con conseguente fuoriuscita di sangue e formazione di ematomi (colore rosso-violaceo).

Per aiutare il corpo a combattere l’infiammazione e riparare i tessuti danneggiati, si può ricorrere all’uso di specifici farmaci i quali, oltre a ridurre l’infiammazione, hanno anche un effetto analgesico.

I più indicati per il trattamento dei traumi di tipo contusivo sono i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) per uso topico, come nel caso di Fastum antidolorifico.

Il panorama di rimedi a disposizione per curare contusioni ed ematomi non si limita però ai soli farmaci antinfiammatori: esistono, in effetti, diversi rimedi, anche dalla natura, che possono essere altrettanto utili, come nel caso di Fastum emazero.

Quali sono le differenze tra Fastum antidolorifico e Fastum emazero?

FASTUM EMAZERO, con la sua formulazione combinata di componenti di origine vegetale dà sollievo in caso di piccoli traumi e contusioni e aiuta a ripristinare le normali condizioni dei tessuti cutanei.

Quali sono i suoi principi attivi?

Escina: principio attivo dell’ippocastano che favorisce il riassorbimento dei liquidi

Bromelina: enzima estratto dall’ananas che favorisce un’azione drenante dei liquidi e lenitiva/anti-rossore

Boswellia: pianta originaria dell’India che espleta un’azione lenitiva

Troxerutina: bioflavonoide contenuto nella sofora del Giappone che ha proprietà capillaro-protettrici.

Inoltre, contiene mentolo, noto e potente rinfrescante, esplica un effetto decongestionante e dona un’immediata sensazione di sollievo.

Applicare 3-4 volte al giorno sulla parte interessata con un massaggio fino a completo assorbimento. Non utilizzare nei bambini sotto i 3 anni di età.

FASTUM ANTIDOLORIFICO GEL, contiene Diclofenac 10mg/g e appartiene alla famiglia dei farmaci antinfiammatori non steroidei per uso topico.

Questo farmaco si usa per il trattamento locale di stati dolorosi e infiammatori, di origine reumatica o traumatica, delle articolazioni, dei muscoli, dei tendini e dei legamenti.

Fastum Antidolorifico è disponibile in confezione da 50 gr e in confezione da 100 gr.

Il farmaco deve essere applicato 3 o 4 volte al giorno sulla zona da trattare, massaggiando leggermente. In caso di assenza di miglioramenti dopo 7 giorni è consigliabile rivolgersi al medico.

Quando utilizzare Fastum per i bambini?

Sono disponibili dati insufficienti sulla sicurezza nei bambini al di sotto dei 14 anni; perciò, il suo uso in questa fascia è controindicato.

Si può assumere in gravidanza ed allattamento?

Fastum antidolorifico gel, così come altri FANS, non deve essere somministrato nel primo trimestre di gravidanza e durante l’allattamento.

Inoltre, non deve essere usato con bendaggi occlusivi che non lascino passare aria. Un bendaggio che consenta la traspirazione, infatti, permette il maggior assorbimento attraverso la pelle.

Il fastum emazero e il fastum antidolorifico sono indicati entrambi per ematomi e contusioni: mentre il primo è un rimedio di origine vegetale con azione antinfiammatoria e vasoprotettrice, il fastum antidolorifico è un antinfiammatorio (FANS) che si occupa di inibire la biosintesi delle prostaglandine, che sono considerate le principali responsabili della genesi della infiammazione e del dolore, ed inoltre è un antireumatico, da utilizzare in caso di infiammazioni di natura reumatica (tendiniti, borsiti, artrite reumatoide, spondilite anchilosante, reumatismi).

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.