Come funzionano i test di gravidanza?

Test di gravidanza

I test di gravidanza rilevano il cosiddetto “ormone della gravidanza”, ossia la Gonadotropina Corionica umana (hCG), nell’urina. In gravidanza, l’ormone hCG viene prodotto prima dall’ovulo fecondato e successivamente dalla placenta.

Un ovulo fecondato in genere si impianta nel rivestimento dell’utero 6-8 giorni prima del ritardo delle mestruazioni, quando piccole quantità dell’ormone hCG iniziano a comparire nel sangue e nell’urina della madre.

Sebbene siano molto bassi all’inizio, i livelli di HCG raddoppiano ogni 48 ore nelle prime settimane di gravidanza.

È proprio l’ormone della gravidanza il “responsabile” dei primi sintomi tipici che compaiono nelle prime settimane di gravidanza, come nausea, stanchezza e dolore al seno. Infatti, proprio l’aumento importante dei valori della beta nei primi mesi, fa sì che questi sintomi siano più intensi nel primo trimestre e dopo diminuiscano o addirittura scompaiano.

Quando fare il test di gravidanza?

I test di gravidanza sono molto utili nel rilevare la gravidanza se effettuati a partire dal giorno previsto delle mestruazioni. Tuttavia, molte donne desiderano eseguire il test prima dell’arrivo previsto delle mestruazioni ed effettivamente, con dei test precoci, attualmente disponibili, è possibile eseguire il test a partire da 6 giorni prima del ritardo delle mestruazioni (in genere 10 giorni dopo l’ovulazione)

Qual è il momento migliore della giornata per effettuare il test?

È preferibile eseguire il test la mattina, appena sveglia, perché in questo momento della giornata l’ormone HCG, se presente, è più concentrato nelle urine!

Come si utilizza un test di gravidanza?

Molte preferiscono eseguire il test esponendolo direttamente al flusso di urina, posizionando la punta direttamente nel flusso per 5 secondi; in alternativa, è possibile immergere il test in un campione di urina precedentemente raccolto per 5-20 secondi, a seconda del prodotto utilizzato.

Come leggere un test di gravidanza?

Il tipo di test scelto può fare una grande differenza in termini di facilità di lettura dei risultati.

Test tradizionale: è quello più usato e si legge attraverso una o due finestre di controllo, che poi vanno interpretate a seconda delle istruzioni della casa produttrice.

Test digitale: a differenza di quello tradizionale ti fornisce una risposta scritta, ‘incinta’ o ‘non incinta’. Alcuni indicano anche la settimana di gestazione.

Test precoce: come detto precedentemente, utilizza un sistema di rilevazione dell’ormone HCG molto sensibile, quindi in grado di rilevarne la presenza precocemente.

Mentre i primi due test vanno effettuati a partire dal giorno di ritardo, il test precoce può essere eseguito 4-6 giorni prima della data prevista di arrivo delle mestruazioni.

Il test di gravidanza può dare un falso positivo o un falso negativo?

Si può avere un falso negativo se il test urinario viene effettuato troppo presto, oppure se si usa un campione di urina troppo diluito (ecco perché è molto importante farlo appena sveglie perché la prima urina del mattino è quella più concentrata)

È estremamente raro, invece, che un test di gravidanza risulti positivo se non si è incinta, perché normalmente l’organismo non produce affatto beta HCG. Un falso positivo può dipendere da un errore nell’esecuzione del test, se si aspetta troppo prima di leggere il risultato o se lo stick era scaduto!

Come fare per evitare dei falsi negativi e falsi positivi?

  • Controlla sempre la data di scadenza sulla confezione!
  • Non bere troppi liquidi prima di eseguire il test. La quantità di liquidi che bevi prima di eseguire il test è particolarmente importante se esegui il test in anticipo, in quanto una quantità eccessiva di liquidi potrebbe diluire i livelli di hCG nella tua urina.

I test di gravidanza possono essere acquistati in farmacia o parafarmacia e non necessitano di prescrizione medica.

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.