Buscofen o Okitask: quali sono le principali differenze?

L’utilizzo dei farmaci per alleviare il dolore è in continuo aumento, e tra quelli più utilizzati emergono i Fans (farmaci antinfiammatori non steroidei) come l’acido acetilsalicilico, il paracetamolo, l’ibuprofene e il ketoprofene.

Facciamo un po’ di chiarezza su due farmaci molto conosciuti e molto utilizzati: Buscofen e Okitask.

Buscofen Capsule Molli: qual è il loro utilizzo?

Buscofen è un farmaco che appartiene alla categoria degli analgesici-antinfiammatori, cioè medicinali che combattono dolore ed infiammazione.

Il principio attivo è l’Ibuprofene, appartenente al gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Più nel dettaglio, esso è un derivato dell’acido propionico dotato di attività analgesica, antinfiammatoria e antipiretica.

L’ibuprofene è disponibile in numerose formulazioni farmaceutiche (compresse, sciroppo, sospensione orale, gocce orali, gel cutaneo, soluzioni vaginali, supposte, cerotti medicati, ecc.) adatte a diverse vie di somministrazione (orale, topica, vaginale, rettale, intramuscolare ed endovenosa) per il trattamento di una grande varietà di disturbi, pur sempre caratterizzati da infiammazione e dolore.

Qual è la sua indicazione?

Buscofen è utilizzato, negli adulti e negli adolescenti a partire dai 12 anni, per trattare dolori di varia origine e natura (dolori mestruali, mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori osteoarticolari e muscolari)

Qual è la giusta posologia?

Adulti-Adolescenti sopra i 12 anni:

1-2 capsule molli, 2-3 volte al giorno.

Le capsule molli devono essere inghiottite senza essere masticate.

*A differenza della compressa, la capsula molle ha un rivestimento esterno in gelatina e, all’interno, il principio attivo è in soluzione liquida.

È consigliato assumerlo a stomaco pieno?

Assolutamente si, è consigliata l’assunzione a stomaco pieno accompagnandola con un bicchiere d’acqua soprattutto nei soggetti con problemi di tollerabilità gastrica.

Attenzione: non superare la dose di 6 capsule al giorno.

Curiosità

Lo sapevi che…estratti vegetali come Gingko Biloba se assunti insieme a medicinali come Buscofen possono aumentare il rischio di sanguinamento gastrointestinale?

Per saperne di più, ti suggeriamo di consultare il foglietto illustrativo.

Okitask 40 mg granulato: a cosa serve?

Okitask è un farmaco che appartiene alla categoria degli analgesici-antinfiammatori, cioè medicinali che combattono dolore ed infiammazione. Il principio attivo è il Ketoprofene sale di lisina che appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei (FANS).

Qual è la sua indicazione?

Okitask si utilizza per dolori di diversa origine e natura, ed in particolare: mal di testa, mal di denti, nevralgie (dolori ai nervi), dolori mestruali, dolori muscolari e osteoarticolari (delle ossa e delle articolazioni).

Qual è la giusta posologia?

Okitask non può essere assunto al di sotto dei 15 anni di età.

Adulti e adolescenti sopra i 15 anni:

1 Bustina per somministrazione, eventualmente la somministrazione può essere ripetuta 2-3 volte al giorno, nelle forme dolorose di maggiore intensità.

È consigliato assumerlo a stomaco pieno?

Assolutamente si, è consigliata l’assunzione a stomaco pieno senza l’impiego di acqua.

Quali sono le principali similitudini e differenze tra Buscofen e Okitask?

Entrambe le specialità medicinali appartengono alla categoria degli analgesici-antinfiammatori e sono indicati in caso di dolori di varia origine e natura, ma presentano – come specificato nell’articolo- differenti principi attivi.

Sia Okitask (Ketoprofene) che Buscofen (Ibuprofene) sono medicinali che per l’acquisto non richiedono la ricetta del medico e possono essere dispensati sia in Farmacia che Parafarmacia.

Uno degli effetti collaterali più frequente dei farmaci analgesici-antinfiammatori è la manifestazione a carico del tratto gastroenterico, con lesioni della mucosa gastrica, ulcere fino al sanguinamento gastrico.

Ecco perché durante una terapia farmacologica con questa categoria di farmaci è opportuno non sottovalutare l’assunzione di un gastroprotettore – farmaco che protegga lo stomaco innalzando lievemente il pH.

È sconsigliato l’utilizzo di entrambi i farmaci in caso di gravidanza ed allattamento. Si consiglia di controllare eventuali interazioni di questi farmaci se si sta seguendo una terapia farmacologica.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.