Bruxismo: cos’è e quali sono le cause?

ll bruxismo è l’atto involontario, e spesso non avvertito, di stringere e digrignare i denti durante il sonno. È un disturbo molto diffuso e si può manifestare in varie forme, più o meno lievi.

A cosa è dovuto il Bruxismo?

La principale causa del bruxismo non è nota e non esiste alcuna terapia farmacologica specifica per curare questo disturbo ma si ritiene che questa patologia sia legata ad alcune cause psico-fisiche.

Per effetto della contrazione della muscolatura masticatoria, il bruxismo può causare lo sfregamento e la conseguente usura delle due arcate dentali, mettendo in pericolo la naturale fisiologia della dentatura.

Possono esserci cause psicologiche come ansia e stress, rabbia o frustrazione o personalità aggressiva, competitiva o iperattiva.

Cause fisiologiche come la malocclusione dentale, una postura errata e disturbi del sonno. Altri fattori possono essere l’utilizzo di antidepressivi e droghe, abuso di caffeina e alcolici o disfunzione del sistema nervoso.

Quali sono i sintomi del Bruxismo?

  • Dolore all’articolazione temporo-mandibolare al risveglio
  • Stanchezza dei muscoli masticatori
  • Dolore a collo e spalle
  • Dentatura appiattita
  • Ipersensibilità dei denti agli alimenti molto caldi o molto freddi

Il bruxismo non solo accelera il processo di deterioramento dentale, ma riflette le sue conseguenze negative anche sull’apparato muscolo-scheletrico causando cefalee e numerose patologie.

Una diagnosi precoce del bruxismo può evitare la creazione di danni permanenti ai denti.

Come si cura?

Non esiste una vera e propria cura per il bruxismo ma alcuni trattamenti che hanno l’obiettivo di ridurre il dolore provocato e prevenire eventuali danni ai denti, riducendo il digrignamento.

Vengono utilizzati dispositivi protettivi per i denti, come il Bite, che assicura ai denti protezione dal digrignamento:

  • Bite morbido automodellante disponibile in farmacie e parafarmacie
  • Bite rigido si crea grazie al contributo del dentista che crea un profilo preciso prendendo la forma dalla dentatura del singolo paziente.

Come prevenire la patologia?

Gestire lo stress e l’ansia aiuta a prevenire il Bruxismo. La National Sleep Foundation consiglia di dormire in totale relax, prediligendo un ambiente quieto e calmo, senza tv, computer e luci.

Inoltre, è necessario preparare il proprio corpo al momento del riposo: prima di andare a dormire non si devono svolgere attività che attivano troppo la mente e anzi, al contrario, vanno predilette attività come la lettura, l’ascolto di una playlist dai suoni lievi, un bagno caldo.

È poi strettamente consigliato fissare dei regolari controlli dal dentista, in modo da verificare la presenza di danni provocati dal bruxismo ed individuare percorso migliore da seguire.

Tu Bruxi?

  1. Se le arcate dentali combaciano senza lasciare spazi
  2. Se hai difficoltà o senti dolore a sbadigliare o spalancare la bocca
  3. Se la parte superiore della dentatura è appiattita
  4. Se i tuoi canini sono molto affilati
  5. Se hai secchezza della bocca
  6. Se hai ipersensibilità al caldo e/o al freddo

..forse potresti essere bruxista.

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui

“L’utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.